mercoledì 18 settembre 2019

Luigi Illica

A Castell'Arquato una sua residenza

Luigi Illica
Arquatese di nascita, lasciò ben presto il paese natio spinto dal suo temperamento vivace per non dire un po' ribelle. 

Ebbe una vita avventurosa che non gli impedì di essere tra l'altro anche giornalista, scrittore appartenente alla Scapigliatura milanese, drammaturgo, ma anche librettista, attività per cui è oggi forse più noto.

Collaborò, infatti, con Giacomo Puccini, Alfredo Catalani, Umberto Giordano e molti altri musicisti. Ma fu a seguito dell'incontro con Giuseppe Giacosa che produsse i suoi libretti più famosi: La Bohème, Tosca, Madama Butterfly. Il più fortunato dei libretti scritti da solo è quello dell' Andrea Chènier

Una brutta caduta da cavallo lo costrinse a tornare definitivamente a Colombarone, una proprietà nella campagna circostante Castell'Arquato, dove morì il 16 dicembre 1919.

Un piccolo e moderno museo nel paese che, oltre a dargli i natali, ne ospita le spoglie, raccoglie spartiti, manoscritti, abiti di scena, lettere, oggetti di valore che danno testimonianza dell'epoca in cui egli é vissuto, delle sue amicizie e rivalità, delle scelte politiche e del suo lavoro.

A Castell'Arquato una villa che fu sua residenza ospita l'Agriturismo Podere Illica. Una visita qui è per coniugare ospitalità piacentina, buona cucina e storia.

© intour project p. iva 02429980903 via principe umberto, 16/a sant’antonio di gallura (ot)
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK