lunedì 9 dicembre 2019

Itinerario di circa 2 ore tra val Nure e val d'Arda

dall'Agriturismo La Favorita

Itinerario di circa 2 ore tra val Nure e val d'Arda
Qui possiamo proporre un paio di soluzioni, un itinerario di circa un’ora da percorrere a piedi, un secondo percorso invece motorizzati, sempre partendo dall’Agriturismo La Favorita.
Il primo copre una distanza di circa 4 km e mezzo e si spinge in direzione Castelvecchio, con breve sosta nella quiete di un ambiente puramente rurale.
Si ritorna per qualche centinaio di metri e si volta a sinistra in corrispondenza del bivio. Si supera un cascinale e si prosegue per un pezzo di strada percorrendo la provinciale 55 per rientrare all’Agriturismo La Favorita.

Il secondo itinerario porta dall’Agriturismo La Favorita a percorre un anello lungo circa 70 km, da percorrere in senso orario che conduce in visita al castello di Gropparello dove fare assolutamente tappa per scoprirne il fascino e la grandezza di questo antico maniero.
Poi si prosegue in direzione Gropparello dove sostare per un drink in qualche bar della piazza prima di proseguire in direzione Castellana dove si racconta un’antica leggenda, da “libro per ragazzi” che parla di una roccia detta "Piplòn", che si incontra lungo la strada e che si staglia da terra dritta come un fuso verso il cielo,  che racchiuderebbe al suo interno il diavolo "Piplòn", innamorato della bella Gesandra. Il diavolo, travestito da cavaliere, si presentò a frate Gesualdo affinché intercedesse presso la ragazza, ma Gesualdo, accortosi del travestimento, gli chiese una settimana per riflettere; nel frattempo scolpì la propria immagine in una vicina roccia e, quando al termine dei sette giorni il diavolo si ripresentò, gli disse che Gesandra lo avrebbe sposato se lui fosse rimasto fermo immobile in quel luogo per sette anni, sette mesi e sette giorni. Il diavolo acconsentì alla proposta.
Con il passare del tempo "Piplòn" iniziò a ricoprirsi di polvere, ma non poteva muoversi perché di sfuggita vedeva dietro di se il volto di Gesualdo che lo sorvegliava continuamente, senza accorgersi che si trattava di un'immagine scolpita. Passarono gli anni e la polvere che lo ricopriva divenne pietra, imprigionando per sempre l'ingenuo diavolo.
Superato l'abitato di Castellana e superato anche lo stordimento lasciato dalla visione di questo diavolo pietrificato, si svolta a sinistra e con una breve deviazione, si visitano gli scavi di Veleia Romana, posti sul versante opposto della vallata, per una tappa che merita una visita ed un buon ristoro.
Si rientra per qualche km per deviare poi in direzione Vigolo Marchese, piccolo borgo rurale che è meta intermedia prima di giungere al castello di Riva, percorrendo la statale 654 della val Nure.
Tappa per visitare dall’esterno questo maniero costruito con i sassi e le pietre del Trebbia e rientro, attraverso Pontedell’Olio, all’Agriturismo La Favorita.



  • tel per info 0523.877412
© intour project p. iva 02429980903 via principe umberto, 16/a sant’antonio di gallura (ot)
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK