lunedì 26 agosto 2019
  • » Val Chero
  • » Visita a Carpaneto Piacentino

Visita a Carpaneto Piacentino

capoluogo della Val Chero e capitale della coppa

Visita a Carpaneto Piacentino
Attualmente il castello, che presenta un porticato con capitelli di arenaria e fregi degli Scotti, ospita il Municipio e la scuola elementare del paese. 

L’economia è prevalentemente agricola: grano, pomodoro, barbabietole da zucchero, foraggi, granoturco, viti per uve da tavola e da vino, ortaggi e alberi da frutta. 
Negli ultimi decenni si è comunque registrato un notevole sviluppo commerciale e industriale. 

Carpaneto è inoltre riconosciuta come l’indiscussa capitale della coppa, il prelibato salume ricavato dalla parte nobile del maiale. 
In suo onore la popolare festa, conosciuta in tutto il territorio nazionale ed organizzata ogni anno per la prima domenica di settembre, richiama puntualmente migliaia di visitatori che possono gustare sul posto e poi portare a casa la genuina coppa dalle caratteristiche previste dalla proposta di legge sulla coppa D.o.c., che prevede una limitata produzione su un’ area compresa tra i torrenti Ongina e Tidoncello. Nell’occasione si può apprezzare la tradizione ed il folklore del paese, con la banda musicale che sfila per le strade straripanti di colori, bottiglie ed allegria. 

Il territorio di Carpaneto comprende interessanti frazioni ricche di storia. 

Montanaro dista da Carpaneto quattro chilometri circa e sorge nella Val Riglio; il suo castello sembra risalire al XIV secolo, fu dei conti Cossadoca, dei conti di Castelnuovo Valtidone, di Ferrante Portapuglia ed infine del conte Gian Francesco Morazzoni che nel 1692 lo restaurò e nel secolo successivo lo trasformò in palazzo signorile; il suo cortile ospita un elegante porticato a colonne. 

La frazione di Zena accoglie un castello nel quale una sala reca affreschi del ‘700; merita una visita anche la chiesa di San Prospero, per la raccolta di pregevoli opere d’arte sacre. 

A Cerreto Landi interessante il fortilizio a pianta quadrata, massiccio con tre torri quadrate ed una quarta sul fronte d’ingresso che presenta ancora oggi gli incastri del ponte levatoio; circondato da un parco, conserva ancora integro il suo passato. 
Il castello, del 1300, era proprietà dei Landi, diventò in seguito di Andrea Giacometti e poi di Gian Angelo Gazzola, ambasciatore ducale in Gran Bretagna. 

E ancora tra le frazioni più importanti è sicuramente Ciriano con la chiesa sorta nel ‘600, famosa per la sua cupola; vennero costruite in seguito all’incendio che distrusse la precedente chiesa in località Ponte San Giacomo

Ad una decina di chilometri da Carpaneto sorge uno degli esempi più significativi di fortificazione, sia per la particolare posizione, sia per la struttura semplice e insieme movimentata dall’andamento irregolare delle mura: il castello di Magnano. 
Le prime notizie lo fanno risalire al 1288 e sono legate ai Della Volta Landi e ai Mencassola; fu venduto agli Scotti, passò poi ai Morazzoni e ai Casali prima di essere acquistato da Valentino Garbazza. 

Anche Badagnano offre spunti di interesse storico, con un possente castello in sasso e la chiesetta di San Giovanni Battista; molto bello è anche il piccolo camposanto tra cipressi, pini e querce con lo sfondo gremito di uccelli canterini. 

Le altre frazioni sono: Chero, Rezzano e Travazzano e, nella Val Vezzena, Cimafava e Celleri.

© intour project p. iva 02429980903 via principe umberto, 16/a sant’antonio di gallura (ot)
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK