mercoledì 20 novembre 2019

Visita a Bettola in Val Nure

Roberto Rossi con Pietro Mazzari

CATEGORIA-52-1-02.jpg
Il toponimo risale al secolo XV e significa osteria, poiché il nucleo originario del paese doveva essere un luogo di ristoro e di sosta, una bettola appunto.

La sua storia ha origini derivanti da un avvenimento di carattere religioso e cioé l’apparizione della Madonna (detta “della Quercia”) ad una pastorella del luogo, verso la fine del 1300. Nel 1400, dopo essere stata proprietà dei Visconti, divenne feudo dei Nicelli, contro i quali si scatenò, in una cruenta battaglia, la famiglia dei Camia.

Fu per porre fine a questa accanita guerriglia che Papa Paolo III fece costruire sulla riva destra del Nure la Torre Farnese, nominando un suo commissario, amministratore della giustizia. Parte del feudo dei Nicelli passò alla camera ducale fino alla costituzione della comunità della Val Nure che resse fino all’avvento del regime napoleonico.

Il paese di Bettola è oggi suddiviso in due borgate, collegate dal ponte che scavalca il Nure: San Bernardino sulla riva destra e San Giovanni sulla sinistra.
In San Bernardino si trova la bella chiesa parrocchiale del 1600, abbellita da affreschi di Giovanni B. Galluzzi del 1716; in San Giovanni, oltre all’omonima chiesa del 1885, detta anche Santuario della Madonna della Quercia di stile romanico con dipinti di Luciano Ricchetti, si trova la vasta piazza centrale con al centro il monumento di Cristoforo Colombo, eretto nel 1892 per ricordare il grande navigatore originario di Pradello, villaggio della montagna bettolese con piccolo museo colombiano allestito nella casa-torre appartenuta alla famiglia Colombo.

L’economia è sostenuta dall’agricoltura, aziende artigiane, piccole industrie e turismo specialmente nei mesi estivi, composto anche di oriundi emigrati in Francia che tornano nostalgicamente ogni anno a trovare parenti ed amici.

Interessanti itinerari portano al Passo del Cerro e poi verso il Monte Osero a 1300 metri, toccando i villaggi Leggio e Calenzano con stupendo panorama della piana piacentina.

Altre sono il Passo del Pia, località di raduno per cacciatori in agosto; Prato Barbieri a 925 metri, e proseguendo in un paesaggio boschivo di querce e faggeti Gropparello ove s’incontra il bel Castello di Rossoreggio un tempo proprietà dei Nicelli, Veleia Romana e Morfasso, che ospita la Torre Farnese attualmente trasformata in una suggestiva villa.
  • Itinerari a Bettola - con Roberto Rossi
    verso Ebbio e il Passo del Cerro
    Il territorio di Bettola è tra i più estesi della provincia piacentina e risulta essere tra i comuni più vasti dell’intera penisola; andiamo a scoprirlo in compagnia di Pietro Mazzari, ex assessore...
  • Itinerari a Bettola (2) - con Roberto Rossi
    a Rigolo, direzione Prato Barbieri
    detta anche “porta della Val Nure”, poiché sorge nel punto in cui la valle si restringe, dove alle colline cominciano a sostituirsi le montagne, Bettola è tra i centri più estesi del piacentino...
  • Itinerari a Bettola - tratto da Bell'Italia
    n° 213 del gennaio 2004, aggiornato il 12.12.2009
    in Italia ci sono villaggi che non compaiono più sulle carte stradali perché nessuna strada ci è mai arrivata. Sono nascosti nelle pieghe dei monti. Hanno sopportato per anni l’esodo dei loro abita...
© intour project p. iva 02429980903 via principe umberto, 16/a sant’antonio di gallura (ot)
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK