lunedì 26 agosto 2019

visita a Pontenure

CATEGORIA-65-1-01.jpg
I rinvenimenti archeologici avvenuti negli ultimi secoli in varie località del comune, oggi in parte conservate nel Museo Civico di Piacenza e nel Museo Nazionale di Antichità di Parma, sono a testimonianza che questa località ha origini assai remote.

Pare si sia costituito in libero Comune nel secolo XII allorché i comuni rurali e quelli cittadini, derivati dall’antico Municipio romano, affermarono la loro autonomia.

Per la sua posizione strategica, fu soggetto a molte invasioni e devastazioni.
In seguito la storia di Pontenure ci parla di Trivulzio, dei Cigala, dei Fantoni.
Dal XVI secolo in poi Pontenure seguì le vicende storiche di Piacenza, durante la signoria dei Farnese, alla quale successe il dominio dei Borboni di Spagna, dei Francesi, degli Austriaci con Maria Luigia, divenuta duchessa di Parma e Piacenza dopo il Congresso di Vienna.

Nel 1859 Pontenure venne annesso, insieme a Piacenza, al Piemonte e, due anni dopo, entrò a far parte del Regno d’Italia appena proclamato e ad esso lega la propria storia.

Nel 1872 giunse a Pontenure il nobile Felice Sforza Fogliani di Vicobarone che acquistò il castello facendovi eseguire notevoli rimaneggiamenti.
Durante i lavori venne scoperta una lunga galleria che si estendeva fino alla chiesa, collegando l’interno del castello alla torre.
  • Pontenure
    visita a Pontenure in val Nure
    a pochi chilometri sorge Paderna, la più piccola delle frazioni ma anche la più interessante, dominata da una massiccia costruzione medioevale, tipico castello di pianura...
© intour project p. iva 02429980903 via principe umberto, 16/a sant’antonio di gallura (ot)
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK