mercoledì 20 novembre 2019

Visita a Castel San Giovanni

CATEGORIA-69-1-01.jpg
Un’area del fossato della Rocca ospitava, attorno alla metà del XIX scolo, piante esotiche che a quel tempo costituivano una curiosità tale che, quando erano in fioritura, richiamavano parecchie persone provenienti anche da lontano.

Castel San Giovanni ha sempre avuto un’economia agricola fiorente e, nel 1860, nacque il Mercato dei Bozzoli del baco da seta, nella chiesa di San Rocco, chiusa al culto, e successivamente sotto i portici del mercato.
Il Mercato dei Bozzoli era dotato di bilancia pubblica e vi confluiva tutta la produzione della Val Tidone, molto pregiata ed abbondante fino agli anni ’30 quando questa attività venne abbandonata per la caduta del prezzo.

Altrettanto fiorente fu la zootecnia specialmente nelle terre e prati naturali irrigate da molte fontane sorgenti a nord dell’attuale ferrovia. Le terre del comune non irrigue erano tutte coltivate con filari di vite ed alberi da frutto.
Vi era un gran numero di "particolari": agricoltori proprietari di piccoli poderi o di appezzamenti di terreno alla periferia del capoluogo che fornivano il latte per il consumo diretto e molti prodotti di bassa corte al mercato locale.
Inoltre, era diffuso l’artigianato ed in particolar modo la tessitura e la lavorazione del cuoio e l’attività molitoria, con diversi molini sul Po.

La diga sul Tidone, negli anni ’20, permise l’irrigazione di tutte le aree pianeggianti. Si diffuse la coltivazione delle barbabietole da zucchero e dei pomodori che costituirono una delle principali voci del reddito agricolo fino agli anni ‘70.

Negli anni ’30 molto attiva fu anche la produzione delle uve da tavola che oggi si sviluppa nei fertili vigneti distesi sui primi rialzi delle frazioni di Ganaghello e Creta e che all’epoca venivano in gran parte esportati verso la Germania.
Sempre in quel periodo nacquero le prime industrie.
  • Castel San Giovanni
    Itinerari in Val Tidone - Castel San Giovanni
    Tra le perle storico-artistiche da visitare in questo Paese il primo posto lo tiene la Collegiata di San Giovanni, risalente al XIV secolo...
© intour project p. iva 02429980903 via principe umberto, 16/a sant’antonio di gallura (ot)
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK