domenica 8 dicembre 2019

Ferriere

visita a Ferriere in Val Nure

Ferriere
E' il più vasto capoluogo della provincia piacentina con una estensione di 180 Kmq. nell' Alta Val Nure e comprende il versante orientale della Val d'Aveto con la diga di Boschi e la Centrale Idroelettrica di Ruffinati.
Confina con la Liguria a sud, con i comuni di Ottone, Cerignale e Marsaglia di Cortebrugnatella a ovest e con Farini a nord.

Il suo monte più alto è il Bue, 1777 metri, su cui sorge la stazione della cabinovia. Attrattive per gli escursionisti sono il paesaggio, l'acqua gelida delle sorgenti e la cordiale ospitalità della gente.
Del paesaggio fanno parte viva le vecchie case in pietra, le rovine del castello millenario dei Malaspina di Gambaro, la chiesetta romanica costruita sul Gratta, presso Castelcanafurone, la vecchia dogana di Maria Luigia al Crociglia sulle cui rovine è stata costruita una capanna-rifugio, i mulini ad acqua, le chiese ed i campanili dei villaggi.
Suggestivi sono il Lago Nero, il Lago Moo, il Lago Bino tutti di origine glaciale.
Le sue valli sono verdi e ridenti d'estate, innevate d'inverno. Il clima è marino e montano per l'influsso del Mar Ligure da cui provengono i venti predominanti e visibili dalla vetta del Monte Bue. Il territorio di Ferriere, grazie alla sua varietà, è mèta di escursioni e di scalate anche impegnative e di gite facili.
A monte di Selva, lungo il sentiero per il Lago Nero e il Bue, si arriva al Groppo delle Ali, palestra dei rocciatori del Club Alpino di Piacenza e Codogno, completa di bivacco e attrezzata con una via ferrata.

Per gli amanti delle gite a piedi, gli itinerari consigliati sono quelli che portano al Monte Corevolo, 1552 metri, al Monte Crociglia, 1578 metri, con una camminata di tre/quattro ore attraverso il canale spartiacque tra il Nure e l'Aveto; al Monte Ragola, 1710 metri, sulla strada di Canadello-Pertuso, con un percorso che tocca il Monte Menia, 1380 metri, il Lago Moo, la vetta di San Martino, 1200 metri, il Lago Bino, i ripiani erbosi di Pradello, 1385 metri, e di Prato Grande.
Dal Monte Ragola meravigliosa veduta verso il mar Ligure a sud, sulla Val Ceno e sui monti del parmense a levante.
Dal Passo dello Zovallo al Lago Nero e, in mezzora di buon passo, al Monte Bue e al Maggiorasca, 1799 metri, che dominano sul versante ligure la conca di Santo Stefano d'Aveto.
Per ultimo un itinerario in auto di circa 100 chilometri che porta a Santo Stefano d'Aveto attraverso il Passo dello Zovallo e del Tomarlo con ritorno a Ferriere da Marsaglia, in Val Trebbia, percorrendo la strada del Mercatello.
© intour project p. iva 02429980903 via principe umberto, 16/a sant’antonio di gallura (ot)
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK