lunedì 26 agosto 2019

Visita a Zerba

CATEGORIA-102-1-01.jpg
E’ il comune più elevato e più piccolo della provincia piacentina, posto sulle pendici soleggiate del Monte Lesima. Feudo dei Malaspina nel XII secolo, ai primi del 1300 passò alla Camera ducale che lo cedette alla famiglia Pinotti per poi passare, nel 1386, alla famiglia Pozzi. Nel 1404 i Malaspina ne ripresero possesso e in seguito Zerba seguì le vicende storiche dell’Alta Val Trebbia. A testimonianza del suo passato rimangono i resti del torrione del castello, sito su un costone che domina il Trebbia, ed alcuni ruderi di una forte, nel centro vecchio del paese. Particolarmente affollato in estate di villegianti, parte dei quali valligiani emigrati per lavoro, soprattutto a Milano e a Genova, che ritornano, in quel periodo, nella natìa Val Boreca. Le poche risorse agricole sono grano, segale, castagne, frutti di bosco, piccoli allevamenti di bovini da latte e perciò il turismo estivo dà un consistente apporto. A Capannette di Pei, a 1460 m., oltre al periodo estivo sono sfruttati anche i mesi invernali, essendo attrezzato con moderni skilift. Oltre a questa zona, che per arrrivarvi si attraversa un paesaggio montano di straordinaria bellezza, è piacevole anche l’escursione a Belnome, nell’Ottonese, caratteristico borgo montanaro con le antiche case tutte costruite in pietra.

© intour project p. iva 02429980903 via principe umberto, 16/a sant’antonio di gallura (ot)
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK