domenica 15 settembre 2019

Itinerari in Val Trebbia - Bobbio

Visita a Bobbio

Itinerari in Val Trebbia - Bobbio
Bobbio rappresenta senz'altro uno dei centri storici di maggiore interesse turistico del piacentino.
Tra i principali monumenti spicca il Ponte Vecchio, chiamato anche “Gobbo” o “del diavolo”, lungo 280 metri e con 11 archi diseguali fra loro.
Entrando in paese venendo da Piacenza, a sinistra s’incontra il Santuario della Madonna dell’Aiuto, eretto nel XVII secolo su edificio precedente. All’interno si trova un affresco del XV-XVI secolo che raffigura una Madonna con Bambino ritenuta miracolosa che dà il nome alla chiesa.
Entrando in Via Garibaldi e imboccando a destra Via del Pozzo, si raggiunge Piazza S. Fara, dove si affaccia uno degli edifici religiosi più significativi della provincia: l’Abbazia di San Colombano. Rifatta nel XV secolo, conserva interessanti affreschi e mosaici anche se l’intero complesso, che un tempo prevedeva molteplici servizi, oggi è stato un pò snaturato poiché oggi ospita locali scolastici. Annesso vi è il relativo museo a cui si accede attraverso la loggia trecentesca. Nelle sue quattro sale contiene interessanti reperti artistici, tra cui una teca d’avorio del IV secolo d.C. raffigurante Orfeo che doma belve feroci, reliquie della Terrasanta, resti della colonizzazione romana, polittici di età rinascimentale eseguiti da Luni, Campi, Lanzani oltre a oggetti appartenuti a S. Colombano. La basilica, a croce latina, ospita nella volta centrale del coro un affresco di fine XVII secolo, raffigurante la Gloria e i miracoli di S. Colombano. Di pregio il Coro ligneo realizzato da Domenico da Piacenza nel 1488. Nella cripta sotterranea, al di là del cancello in ferro battuto del XII secolo, un preziosissimo mosaico pavimentale dello stesso periodo che rappresenta Storie dei Maccabei, i Mesi e i Lavori. Qui sono inoltre conservate le tombe di S. Colombano, Attala e Bertulfo, i primi tre abati del monastero.
Anche il Duomo, rimaneggiato in epoca rinascimentale e barocca raccoglie all’interno buone opere d’arte, come pure il Vescovado del XIV-XV secolo, e i numerosi palazzi patrizi, tra cui il Palazzo Brugnatelli.

Importante pure il castello Malspina eretto da Corradino Malalspina all’inizio del XV secolo, e il caratteristico centro storico con le strette vie.
Infine, appena fuori dal nucleo centrale del paese, si può vedere il Convento di San Francesco, costruito nel XIII secolo e chiuso in età napoleonica.
Ben conservato è il chiostro con affresco trecentesco nell’antico refettorio che raffigura la crocefissione.

Il paesaggio è caratterizzato dalle montagne appenniniche che delineano il panorama e, soprattutto, influenzano il clima regalando frescura nel periodo estivo e proteggendo il paese da venti e nebbie nel periodo invernale.
Sulle montagne si alternano fertili campi coltivati a pascolo e fitti boschi in cui trovano rifugio tanti animali e in cui si sviluppano molte varietà vegetali.
Gli insediamenti umani, eccettuato il capoluogo vivo e dinamico, sono rari e sopravvivono, sparsi qua e là, edifici in pietre e in sassi che testimoniano una civiltà montanara che non è affatto scomparsa ma che, anzi, rimane legata all’alta Val Trebbia e ne tramanda le antiche tradizioni.
Percorrendo la statale 45 della Val Trebbia in direzione Piacenza si arriva all’ Orrido di Barberino sul Trebbia, a Mezzano Scotti e poi a Perino da dove si può raggiungere la caratteristica Pietra Parcellara o l’angusta e bellissima Val Perino, con gli antichi abitati di Aglio e Pradovera ed il diroccato Castello d’Erbia.
Con la stessa statale, ma dirigendosi verso Genova, si arriva a San Salvatore, dove il Trebbia disegna caratteristici meandri, dominati dall’alto dall’abitato di Brugnello, con la chiesetta a picco sul fiume.
Ancora qualche chilometro e si è a Marsaglia, dove il Trebbia riceve il suo massimo affluente: l’Aveto.
Lungo la statale per Varzi, a dodici chilometri da Bobbio vi è il Passo Penice, a 1145 mt. di altitudine, località climatica e per sport invernali, sulla cui vetta, a 1464 mt., sorge un antico santuario e vi sono ripetitori radio-tv.
Sulla sponda opposta del Trebbia, a circa dieci chilometri da Bobbio, si trovano Coli, a metri 638, nascosto tra le montagne a cavallo tra la Val Trebbia e la Val Nure, con le sue suggestive pinete ed il vicino Monte Aserei, alto 1432 mt., con i caratteristici pascoli.
In località San Martino, a poca distanza da Bobbio, vi sono le terme con le acque sulfureo-salse per la cura di malattie delle vie respiratorie, della pelle, affezioni ginecologiche, reumatismi ed altre.
© intour project p. iva 02429980903 via principe umberto, 16/a sant’antonio di gallura (ot)
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK