lunedì 21 ottobre 2019

Borghi delle valli piacentine: Coli

ideale per passeggiate ed escursioni

Borghi delle valli piacentine: Coli
Nell’epoca medievale fu feudo prima della famiglia Nicelli, poi dei Visconti e successivamente dei Dal Verme

E’ solo dal 1923 territorio piacentino, fino allora rimase aggregato alla provincia di Pavia. 

Accoglieva sino a poco tempo fa l’unico ostello della gioventù della provincia, molto frequentato da numerosi giovani italiani e stranieri, oggi, però, purtroppo chiuso. 

La zona comunque maggiormante frequentata è la frazione di Perino, a metà strada tra Bobbio e Travo, che ha registrato un forte sviluppo del turismo residenziale. 

Vasti pascoli per ottimi formaggi e carni bovine pregiate sono le fonti di economia del paese, oltre alla viticoltura che produce l’apprezzato Trebbianino D.o.c.. 

Le escursioni portano all’Oratorio di Sant’Agostino, a 1000 metri tra pinete e sorgenti di acqua cristallina o a Peli alla Sella dei Generali, e verso destra al Monte Aserei per scendere a Mareto o a Pradovera, sulle pendici del Monte Osero, quindi a Farini in Val Nure. 
Con partenza da Perino in direzione Bettola, si supera il Passo del Cerro. 
Alcune possibilità per chi ama camminare: da Perino al Monte Amelio, a 900 metri, o alla Pietra Parcellara, a 835 metri.


© intour project p. iva 02429980903 via principe umberto, 16/a sant’antonio di gallura (ot)
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK